BLOG

LA CANAPA, L’ALIMENTO “STUPEFACENTE”

canapa-alimentare

Considerata per molto tempo una semplice droga, in realtà la canapa è una pianta utile dalle proprietà affascinanti. La stiamo piano piano riscoprendo, soprattutto in ambito culinario!

LA CANAPA NELLA STORIA DELL’ARTE

VINCENT-VAN-GOGH-AUTORITRATTO
Autoritratto, Vincent Van Gogh. Olio su Canapa

Alcuni artisti, come Van Gogh o Rembrandt, dipingevano le loro opere su tele in tessuto di canapa, ma era anche associato all’uso di colori ad olio ricavati dalla pianta di cannabis sativa.

Perché si usava la canapa? Quali erano i benefici?

Ebbene, questi grandi artisti hanno usato strumenti del genere perché l’opera potesse sopravvivere più a lungo e mantenersi in un ottimo stato nel corso del tempo. Dalla canapa si ricava una fibra che presenta molta resistenza al calore e alla muffa e riesce a presentare una lucidità unica all’impatto con la luce.

Un esempio di grande opera in cui si adoperò la canapa è l’autoritratto di Van Gogh.

CANAPA NELL’ALIMENTAZIONE

canapa-alimentare

 

In ambito culinario i semi di canapa vengono utilizzati nelle cucine di tutto il mondo, grazie anche alle innumerevoli possibilità di impiego, ad esempio nella preparazione di olio, biscotti, infusi o cioccolato.

Da un punto di vista nutrizionale, i semi sono ricchi di acidi grassi omega-3 e omega-6 e nelle ricette casalinghe si integrano perfettamente sotto forma di topping, olio o semplicemente come snack. Riforniscono l’organismo di proteine e fibre e, come se non bastasse, sono fonte di vitamina E, che vanta proprietà antiossidanti, e delle vitamine B1, B2 e B6.

Il consumo di semi di canapa è diventato ancora più semplice, grazie alla loro introduzione nel mercato sotto forma di drink, dressing, proteine, olio o semi, perfetti anche per arricchire un’insalata o un müesli, e frullati negli smoothie di frutta e verdura.

canapa-uso-alimentare

Il sapore differisce a seconda della preparazione, ad esempio, i semi di canapa tostati hanno un sapore che ricorda le arachidi e le nocciole; al sesamo tostato se usati come pesto, mentre nella pasta ricorda il gusto del grano saraceno.

shareShare on Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.