BLOG

IL MIGLIO: COME MISURARLO CON LA TAZZA E COME CUOCERLO

Il miglio: come misurarlo con la tazza e come cuocerlo

Il miglio è un cereale utile alla nostra salute. E’ il più antico tra i cereali che l’uomo ha coltivato e possiede nutrienti utili a farci star bene.

Mi soffermo in particolare su alcune sue caratteristiche:

  • Il miglio ha un’azione alcalinizzante sul nostro organismo;
  • il miglio è senza glutine.

Due aspetti utili da sapere. Nel primo caso, cosa significa che il miglio è alcalinizzante? Significa essenzialmente che presenta un importante contenuto di minerali alcalini, come sodio, potassio, calcio e magnesio.

In generale, i cibi alcalinizzanti sono quelli che non contengono zuccheri e lieviti, cibi fermentati e raffinati; in questo caso parleremo di cibi acidificanti.

Non è tutta colpa del cibo.

Il miglio: come misurarlo con la tazza e come cuocerlo

Lo stress può essere annoverato tra le cause di acidificazione dell’organismo, oltre al fumo, assunzione di farmaci, vita sedentaria, disidratazione e consumo di bevande alcoliche. Per capire qual è la condizione del proprio organismo sulla base del pH, è necessario munirsi di cartine al tornasole, da utilizzare per la valutazione del livello di acidità delle urine. Quindi non è solo la scelta del cibo a determinare l’acidità del corpo, bensì anche la nostra salute psichica.

Vediamo, adesso,  un elenco dei cibi alcalinizzanti e acidificanti:

I pomodori sono acidi o alcalini? Bel dilemma, no?

Il miglio: come misurarlo con la tazza e come cuocerlo

Una dieta corretta e bilanciata dovrebbe prevedere un apporto di alimenti ad azione alcalinizzante pari all’80% e di cibi acidificanti pari al 20% del totale ingerito giornalmente. Tutto ciò contribuisce a mantenere inalterato il pH dei tessuti e non esporre l’organismo a patologie legate all’accumulo eccessivo e prolungato nel tempo di tossine. I pomodori sono, ad esempio, alimenti particolari perché fanno parte di quei cibi che, se sottoposti a lunghe cotture, possono diventare acidificanti, sopratutto se ingeriti insieme ad alimenti altamente proteici, zuccherini o ricchi di carboidrati.

ALIMENTI ALCALINI

  • Peperoni
  • Cavolo
  • Broccoli
  • Cipolla
  • Cocomeri
  • Spinaci
  • Lattuga
  • Zucca
  • Crescione
  • Spirulina

ALIMENTI ACIDI

  • Carne
  • Mais
  • Gelato
  • Zucchero
  • Cereali
  • Tortillas
  • Aceto
  • Arachidi
  • Latte
  • Maionese
  • Senape
  • Ketchup
  • Sardine
  • Bevande zuccherate

Abbiamo detto anche che il miglio è senza glutine, utile informazione per i celiaci.

Miglio: come misurarlo con la tazza e come cuocerlo

Una tazza di miglio.  Qualsiasi metodo di cottura sceglieremo, vale sempre la regola secondo cui il miglio si cuoce per assorbimento. Vale a dire se utilizzeremo una tazza piena di miglio allora raddoppieremo la quantità di acqua. Infatti, il miglio ha il potere di assorbire l’acqua come pochi altri cereali. Questo significa che il miglio non va scolato! Ovvero si cuocerà assorbendo l’acqua di cottura.

Per cuocerlo. Per cuocerlo sarà necessario sciacquarlo preventivamente più volte, finché l’acqua sarà limpida e usare un tegame ampio con fondo spesso, e non alto come quello che utilizziamo per la cottura della pasta (per intenderci).

Miglio sgranato o miglio cremoso?

Sgranato o cremoso? Sono le due soluzioni alla cottura del miglio. Nel primo caso, il miglio sgranato è ideale per insalate fredde, nel secondo per zuppe e minestre.

Miglio sgranato. 

Come misurarlo con la tazza e come cuocerlo per avere il miglio sgranato. Prendere una tazza di miglio sciacquato più volte, aggiungerlo nel tegame e coprirlo con due tazze di acqua e un pò di sale. Quando l’acqua comincerà a bollire, abbassare la fiamma e mettere un coperchio facendolo cuocere per 5 minuti. Dopo di che si spegne il fuoco e si lascia riposare con coperchio per un paio di ore, senza mai mescolare. Trascorso il tempo, allora il miglio avrà assorbito tutta l’acqua e potrà essere sgranato con una forchetta e utilizzato in ricette estive e veloci.

Miglio cremoso.

Ideale per zuppe e minestre, il miglio cremoso si presenta come un vero risotto, ideale soprattutto in autunno e inverno. Per avere il miglio cremoso, si utilizza sempre una tazza di miglio, da riversare in una pentola e insieme 2-3 cucchiai di olio evo e farlo tostare. Aggiungere la verdura che preferite, come la zucca, la cipolla, cavolfiore, spinaci e 2 mestoli di brodo vegetale o acqua e portare ad e portare ad ebollizione. Procedere aggiungendo brodo o acqua al miglio come faremmo per un risotto, finché non sarà cotto e cremoso.

 

shareShare on Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.